La sfida del Re ai suoi tre figli


La sfida del Re ai suoi tre figli

Un grande re aveva tre figli, e voleva sceglierne uno come erede.
Era in difficoltà, perché tutti e tre erano molto intelligenti, molto coraggiosi.
Chi scegliere?
Si rivolse dunque a un saggio, che gli suggerì un’idea!
Il re tornò a palazzo e convocò i tre figli.
Diede a ciascuno di loro una borsa contenente dei semi, e disse loro che sarebbe partito per un pellegrinaggio:
“Starò via qualche anno: uno, due, tre, forse di più.
E per voi questa sarà una prova: quando torno, mi dovrete ridare questi semi.
E chi di voi li proteggerà meglio, sarà il mio erede!”
Poi partì per il pellegrinaggio.

Il primo figlio pensò:

“Cosa dovrei fare con questi semi?”
E convinto di fare la cosa migliore, per proteggerli meglio da qualsiasi cosa, li chiuse in uno scrigno di ferro, in modo da poterli rendere intatti al ritorno del padre.
Il secondo pensò:
“Se li rinchiudo come ha fatto mio fratello, moriranno.
E un seme morto non è affatto un seme.”
Mio padre potrebbe obiettare:
“Io ti ho dato dei semi vivi, che potevano crescere, mentre questi sono morti:

ora non potranno più crescere.”

Per cui andò al mercato e li vendette, e conservò il denaro, pensando:
“Quando mio padre tornerà, andrò al mercato, comprerò nuovi semi e gliene ridarò di migliori.”
Ma fu il terzo a fare la cosa migliore.
Andò in giardino e li seminò.
Tre anni dopo, quando il padre tornò, il primo figlio aprì lo scrigno.
Quei semi erano tutti morti, puzzavano, e il padre disse:
“Cosa? Sono forse questi i semi che ti ho dato? Avevano la possibilità di fiorire e donare una fragranza squisita, mentre questi puzzano; no, questi non sono i miei semi!”
Andò dal secondo figlio che si precipitò al mercato, comprò semi nuovi e tornò a casa, dicendo: “Ecco i tuoi semi!”

E il padre commentò:

“La tua idea è migliore di quella di tuo fratello, ma non sei ancora abile come io vorrei che fossi!”
Quando andò dal terzo, il padre sperava e trepidava al pensiero di ciò che aveva potuto fare.
E il terzo figlio lo condusse in giardino dove erano spuntate milioni di piante, e milioni di fiori.
Il figlio disse:
“Questi sono i semi che mi hai dato.
Non appena le piante saranno adulte, li raccoglierò e te li restituirò.
Adesso stanno ancora crescendo!”
Il re disse:
“Tu sei il mio erede.
Ecco come ci si deve comportare con i semi!”

Brano di Osho Rajneesh
Posted in Autori, Festa del Papà, Racconti, Racconti con Morale, Storie con Morale, Un Racconto al Giorno and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .