La storia della forchetta


La storia della forchetta

Una giovane donna seppe improvvisamente di avere una malattia terribile e che le restavano solamente tre mesi di vita.
Quindi chiamò il parroco per le sue ultime volontà.
Scelse gli abiti da indossare, la musica, le parole e le canzoni.
Quando finì di parlare con il parroco, lo trattenne per un braccio dicendogli:

“C’è un’altra cosa…”

“Dica.” rispose gentilmente il parroco.
“Questo è importante.
Voglio che mi si sotterrino con una forchetta nella mano destra!”
Il parroco rimase molto sorpreso.
“La cosa la meraviglia, vero?” chiese la giovane donna.
“Per essere sincero sono piuttosto perplesso dalla sua richiesta!” esclamò il parroco.
Ed allora iniziò a spiegare il perché al parroco:
“Dunque! Mia nonna mi ha raccontato questa storia ed io ho sempre provato a trasmettere questo messaggio a tutti quelli che amo ed hanno bisogno di incoraggiamento.
In tutti i miei anni di partecipazione ad eventi sociali e pranzi ricordo che sempre c’era qualcuno che rivolgendosi a me diceva:

“Tenga la sua forchetta!”

ed era il momento che preferivo, perché sapevo che qualcosa di meglio sarebbe arrivato, come una torta, una mousse al cioccolato o una torta di mele.
Qualcosa di meraviglioso e di sostanza.”
Quando la gente mi vedrà nella cassa da morto con una forchetta nella mano, voglio che si chieda:
“Perché quella forchetta?” ed allora lei potrà rispondere:
“Tenete sempre la vostra forchetta in mano perché il meglio deve ancora arrivare!” e dicendo questo, la giovane donna terminò la propria spiegazione.

Il parroco, con le lacrime agli occhi, la strinse forte per darle l’arrivederci, pur sapendo che molto probabilmente non la avrebbe rivista mai più viva.

E pensando inoltre che quella giovane donna aveva un’idea del paradiso migliore sia della sua che di tanta altra gente.
Lei sapeva che qualcosa di meglio sarebbe successo.
Ai funerali la gente sfilava davanti alla cassa della giovane donna, dove si potevano notare sia il suo bel vestito che la forchetta nella mano destra.
Tutto ad un tratto il parroco sentì l’attesa domanda:
“Perché la forchetta?” e sorrise.
Durante la predica, il parroco raccontò la conversazione avuta con la giovane donna alla vigilia della sua morte e raccontò loro la storia della forchetta dicendo che non riusciva a smettere di pensarci e che da quel momento in poi anche loro, ogni qual volta avessero avuto nella mano una forchetta, si sarebbero dovuti ricordare che il meglio doveva ancora avvenire.

Brano senza Autore, tratto dal Web
Posted in Brani senza Autore, Racconti, Racconti con Morale, Storie con Morale, Un Racconto al Giorno and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .