Un manager e la sua Jaguar

Un manager e la sua Jaguar

Un manager stava percorrendo con la sua nuova Jaguar, un po’ troppo velocemente, le vie della città.
Mentre correva un mattone si schiantò sulla portiera!
Frenò bruscamente e tornò indietro per vedere chi l’avesse lanciato.
Inferocito scese giù dalla macchina prese il ragazzo e lo spinse contro un’auto parcheggiata e disse:

“Cosa ti è saltato in mente?

Questa macchina è nuova e quel mattone che hai tirato ti costerà caro!
Perché l’hai fatto?”
Il ragazzo tentò di scusarsi e disse:
“Mi spiace ma non sapevo cos’altro fare.” implorava, “Ho tirato il mattone perché non si fermava nessuno…”
Le lacrime scendevano sul suo viso, mentre indicava un punto appena dietro un’auto.
“È mio fratello,” disse, “ha sbattuto contro un tombino ed è caduto dalla sua sedia a rotelle e non riesco ad alzarlo!”

Ora il ragazzo chiese al manager:

“Per favore può aiutarmi?
È ferito ed è troppo pesante per me!”
Tanto toccato da rimaner senza parole il manager cercò di mandar giù il groppo in gola che si era formato, sollevò in fretta il ragazzo disabile e lo mise sulla sedia a rotelle, con un fazzoletto tamponò le ferite e se ne andò.

“Grazie e che Dio la benedica!” disse il ragazzo.

L’uomo scosso tornò alla sua Jaguar, immerso nei suoi pensieri.
Il danno alla portiera era grave ma non si preoccupò mai di ripararlo.
Si tenne la portiera danneggiata come costante ricordo di questo messaggio:
“Non correre attraverso la vita così velocemente che qualcuno debba lanciarti un mattone per attirare la tua attenzione.”

Brano senza Autore.
Posted in Brani senza Autore, Racconti, Racconti con Morale, Storie con Morale, Un Racconto al Giorno and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .