L’avaro


L’avaro

Un avaro aveva liquidato tutto il suo patrimonio e l’aveva convertito in una verga d’oro;
poi l’aveva sotterrato in un certo luogo, sotterrandoci insieme la sua vita e il suo cuore, e tutti i giorni andava a farci una ispezione.

Un operaio lo tenne d’occhio, subodorando la verità,

andò a scavare e si portò via la verga.
Dopo un po’ arrivò anche l’avaro e, trovando la sua buca vuota, cominciò a piangere e a strapparsi i capelli.

Ma un tale, che l’aveva visto lamentarsi così dolorosamente, quando ne seppe la ragione, gli disse:

“Non disperarti così, mio caro; tanto, oro non ne avevi nemmeno quando lo possedevi.
Prendi una pietra, mettila al suo posto, e immagina d’avere il tuo oro:

ti farà lo stesso servizio;

perché vedo bene che, anche quando il tuo oro era là, tu non ne facevi nulla.”

Brano di Esopo
Posted in Autori, Racconti, Racconti con Morale, Storie con Morale, Un Racconto al Giorno and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .