Sofia e la fata


Sofia e la fata

Era una bellissima mattina d’inizio autunno.
La piccola Sofia decise di andare a fare una passeggiata nel bosco per cercare le castagne.
La sua mamma le preparò uno spuntino nel caso le venisse fame e le raccomandò di prestare attenzione.
S’inoltrò nel bosco alla ricerca delle castagne.
Ce n’erano proprio tante!
Avrebbe riempito il suo cestino molto presto!
Ad un certo punto, vide una distesa colorata di giallo oro:

non erano le foglie cadute dagli alberi, ma erano cespugli d’erica.

Si ricordò allora di, quando la nonna le raccontava che per incontrare una fata bastava sdraiarsi vicino uno di questi cespugli.
Decise che poteva essere il momento buono per riposarsi un po’ e fare lo spuntino vicino quella distesa dorata:
forse sarebbe anche riuscita ad incontrare una fata, come aveva sempre desiderato!
Iniziò a mangiare, ma della fata nessuna traccia.
Finita la merenda, si alzò un po’ delusa per fa ritorno a casa.
Prima di andar via, prese con se un ramo dorato per regalarlo alla sua mamma.
Staccato il rametto più fiorito, all’improvviso vide che tutto intorno a lei diventava grandissimo, anche il rametto che, infatti, le cadde dalle mani sempre più piccole.

Cosa era mai successo?

La piccola Sofia era diventata uno gnomo!
Le sue orecchie erano a punta, come il cappellino che aveva sulla sua testa.
E adesso?
Come poteva tornare a casa così?
Si mise a piangere disperatamente: pensava alla sua mamma e a quanto avrebbe sofferto nel non vedendola rientrare a casa.
Mentre si disperava, si alzo un venticello che sollevò da terra una nuvola di foglie.
Come il vento si placò, apparve agli occhi di Sofia una fata tutta vestita d’oro, che le disse:
“Ecco qui un altro gnomo da condurre nel mio castello.”
“Ti prego, non portami per favore!” disse Sofia in lacrime “Non so cosa sia successo e perché sono diventata uno gnomo.

Io volevo solo conoscere una fata!

Fammi tornare com’ero, per favore!
Voglio tornare dalla mia mamma!”
La fata raccolse il piccolo gnomo in lacrime e le spiegò perché si era trasformata:
l’erica era la pianta delle fate, e quindi era proibito staccarne un ramo e chiunque l’avesse fatto avrebbe mancato di rispetto alle fate ed era trasformato in uno gnomo.
“Io non lo sapevo!” disse Sofia piagnucolando.
La fata la guardò, sorrise e soffiò dolcemente sullo gnomo:
“Le tue lacrime sono sincere e pure, spezzerò l’incantesimo, ma prometti che d’ora in poi rispetterai non solo l’erica ma tutte le piante del bosco.”
Sofia annuì e tornò bimba.
Prese il suo cestino di castagne e ne regalò per gratitudine un po’ alla fata, poi corse verso casa, ansiosa di riabbracciare la sua mamma.

Brano senza Autore
Posted in Brani senza Autore, Festa della Mamma, Racconti, Racconti con Morale, Storie con Morale, Un Racconto al Giorno and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .