Che buon sale!

Che buon sale!

C’era una volta un vasetto pieno di sale bianco e saporito.
Tutte le volte che la cuoca lo svitava per prenderne un pizzico e metterlo nelle pentole, il sale era contento e orgoglioso.
Però un giorno pensò:
“Chissà perché non c’è mai una volta che qualcuno a tavola dica:
“Che buon sale!”

Tutti dicono sempre:

“Che buona carne o che buona pasta!”.”
Allora diventò triste.
La cipolla e l’aglio che gli stavano vicino, in cucina, cercarono di consolarlo:
“Non puoi farci nulla.
Il problema è che tu sei invisibile!
Quando ti sciogli nell’acqua, nessuno ti vede più!”
Una volta, però, la mamma aveva così fretta di preparare il pranzo che si dimenticò di mettere il sale.

A tavola ci fu il finimondo!

“Che pasta è mai questa?
È immangiabile!” urlò papà.
“Non sa di niente!” si lamentò Luca, allontanando il piatto.
“Non ho fame!” disse Monica.
Le urla erano così alte che dovette intervenire mamma:
“Che cosa sta succedendo oggi?
Perché siete diventati così impossibili da accontentare?”

Tutti gridarono:

“Ciò che hai preparato non ha proprio alcun gusto!”
Finalmente la mamma si accorse:
“Ah, il sale!
Ho dimenticato di mettere il sale!” esclamò battendosi la mano sul capo.
“Se manca il sale, manca tutto!” osservò Monica.
Spesso ci accorgiamo delle cose solo quando mancano, e non sappiamo riconoscerle e apprezzarle quando ci sono.

Brano senza Autore
Posted in Brani senza Autore, Racconti, Racconti con Morale, Storie con Morale, Un Racconto al Giorno and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .