La rosa e il rospo (Ogni cosa ha il suo valore)


La rosa e il rospo
(Ogni cosa ha il suo valore)

C’era una volta in un giardino, una bellissima rosa.
Il colore dei suoi petali ricordavano i toni caldi e lucenti di un tramonto.
Il suo profumo era così intenso che quasi inebriava.
La rosa essendo consapevole della sua bellezza si aspettava che le persone che passavano davanti a quel giardino, si fermassero ad ammirarla.
Ma purtroppo non era cosi, al contrario, tutti cercavano di evitarla.
La rosa non riusciva a capire, com’era possibile.

Eppure lei, era la rosa più bella del giardino.

Amareggiata, continuava a ripetersi:
“Perché, perché nessuno vuol fermarsi ad ammirare i miei colori, sentire il mio profumo, perché?”
Finché un giorno udì una voce che le disse:
“Se nessuno si avvicina a te è per colpa mia.
Le persone si allontanano da te perché hanno paura di me!”
La rosa incuriosita, si guardò attorno, ma non vide nessuno, quando a un certo punto, chinando leggermente i suoi petali, vide sotto di se, proprio vicino alla radice, un vecchio rospo.

Molto risentita, disse subito al rospo:

“Se la colpa è tua, vattene via da qui, non ti voglio più vicino a me!”
Il rospo, con un po’ di tristezza nel cuore, senza aggiungere una parola si allontanò.
La rosa tirò un sospiro di sollievo, finalmente quel brutto rospo se n’era andato via.
E adesso le persone, si sarebbero fermate ad ammirarla.
Nel frattempo i mesi passavano.
Ed un giorno al vecchio rospo, venne in mente di andare a trovare la bellissima rosa.
Timidamente col cuore che gli batteva forte per l’emozione si avvicinò, ma la rosa non era la più la stessa, era appassita, spenta, stava quasi morendo.

Il rospo preoccupato, chiese alla rosa:

“Che ti è successo, dimmi, perché stai così male?”
La rosa con un filo di voce, che si sentiva appena, rispose:
“Appena te ne sei andato tu, le formiche e gli insetti hanno invaso la pianta.
Prima si sono attaccati al mio stelo, poi sono saliti sulle mie foglie e infine, sono arrivati ai miei petali, ed era eccomi qui.”
La rosa, solo allora si rese conto di quanto era stata crudele ed insensibile, non aveva capito l’importanza e il valore del rospo, non era riuscita ad andare oltre il suo aspetto.
La sua presenza nel giardino, era importante e preziosa soprattutto per lei, perché il rospo impediva alla formiche e agli insetti di attaccarla.

Brano senza Autore, tratto dal Web
Posted in Brani senza Autore, Racconti, Racconti con Morale, Storie con Morale, Un Racconto al Giorno and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .