L’agricoltore e Dio


L’agricoltore e Dio

Non molto tempo fa, esisteva un contadino che si lamentava sempre delle condizioni atmosferiche che, a suo parere, erano sempre contrarie alle sue semine ed ai suoi raccolti.
Un giorno il contadino incontrò Dio e gli disse:
“Hai creato il mondo, ma non sei un contadino, non conosci l’agricoltura.
Hai ancora molto da imparare.
Hai ancora poca esperienza riguardo il clima e le condizioni atmosferiche adatte all’agricoltura.”
Dio gli chiese:

“Qual è il tuo consiglio?”

“Dammi un anno e lascia che le cose vadano come voglio e vedrai che la povertà e la fame non esisteranno mai più sulla terra.” esclamò il contadino.
Dio accettò.
Naturalmente, l’agricoltore chiese il massimo:
niente più tempeste né alcun pericolo per il grano.
Il grano cresceva sano e abbondante ed i contadini erano felici.
Tutto sembrava perfetto.

Alla fine dell’anno, l’agricoltore rivide Dio e gli disse con orgoglio:

“Hai visto quanto grano?
C’è abbastanza cibo per 10 anni senza dover più lavorare!”
Dio annuì con compassione.
Tuttavia, una volta raccolto tutto il grano il contadino si rese conto che i chicchi erano tutti vuoti.
Perplesso, chiese a Dio cosa fosse accaduto, ed Egli rispose:
“Hai deciso di eliminare tutti i conflitti e gli attriti, così il grano non ha potuto maturare. Questo è il risultato della tua presunzione.”

Brano senza Autore, tratto dal Web
Posted in Brani senza Autore, Corpus Domini, Racconti, Racconti con Morale, Storie con Morale, Un Racconto al Giorno and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .